Oncologici

In Italia  le ultime stime ci dicono che nel corso dell'anno vengano diagnosticati circa 373.300 nuovi casi di tumore, di cui il 52% fra gli uomini e il 48% fra le donne cioè mediamente ogni giorno più di 1.000 nuove diagnosi.
Negli ultimi anni, sono però complessivamente migliorate le percentuali di guarigione: il 63% delle donne e il 54% degli uomini è vivo a cinque anni dalla diagnosi.
Il merito di questo traguardo è da riferire soprattutto alla maggiore adesione alle campagne di screening, che consentono di individuare la malattia in uno stadio iniziale, alla maggiore efficacia delle terapie disponibili e all’approccio multidisciplinare alla malattia.

 

Le malattie oncologiche chiudi dettagli apri dettagli

Il portale OPEN SALUTE LAZIO strumento di informazione, creato dal Dipartimento di Epidemiologia della Regione Lazio, offre un quadro sintetico dello stato di salute della popolazione residente nella Regione, in ogni  singola ASL, Distretto, Comune con stime che vengono periodicamente aggiornate.
Le stime relative all’anno 2017 ci mostrano come i tumori maligni rappresentino la seconda causa  di ricovero (10.1%) e  la seconda causa di morte ( 29% dei decessi) dopo le malattie cardiovascolari nella popolazione residente nel territorio della ASL Roma 1.

 

Stime tumori 2017

 


Riguardo alla incidenza nella popolazione della ASL Roma 1 le neoplasie di più frequente riscontro sono:

  • le neoplasie della mammella
  • le neoplasie del colon-retto
  • le neoplasie del polmone
  • le neoplasie della prostata
  • le neoplasie della vescica
  • le neoplasie ematologiche.


Nelle Strutture Sanitarie  a Gestione diretta della ASL Roma 1 (l’Ospedale San Filippo Neri, l’Ospedale Santo Spirito e tre centri in regime di ricovero diurno: il Centro per la Salute della Donna S. Anna, il Presidio Sant’Andrea di via Cassia e  il Presidio Nuovo Regina Margherita) sono attivi, anche in linea con le direttive regionali, molteplici Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali–PDTA dedicati alle neoplasie più frequenti che permettono una gestione maggiormente strutturata, integrata e funzionale di tutto l’iter assistenziale, in un’ottica di miglioramento continuo della qualità, della presa in carico del paziente, della riduzione dei tempi dell'iter diagnostico terapeutico.
I PDTA  garantiscono equità di accesso alle cure, uniformità di comportamento e omogeneità della offerta assistenziale nei Centri dei vari presidi della ASL.
Gli specialisti del Dipartimento Oncologico, grazie anche alla collaborazione con gli specialisti degli altri dipartimenti coinvolti nella diagnosi e cura delle neoplasie,  lavorano per costruire percorsi integrati capaci di offrire ad ogni paziente oncologico la terapia più adeguata alla malattia e alla persona.
La personalizzazione della diagnosi, delle cure e del follow-up è la strategia che permette di ottenere il massimo dei risultati in termini di guarigione, controllo della malattia e qualità della vita.
Parlare solo di chirurgia, di terapia sistemica o radioterapia senza integrare tra loro le diverse discipline non è sufficientemente adeguato: la terapia oncologica deve scaturire sempre  da una discussione multidisciplinare franca, aperta e basata sulle più moderne evidenze  scientifiche.
In questa ottica Il Dipartimento Oncologico nato nel Marzo 2017 è stato concepito come un "Dipartimento di percorso". ll punto di riferimento dell’attività congiunta delle specialità che ne fanno parte (UOC Chirurgia generale ed oncologica, UOC Urologia, UOC Oncologia, UOC Gastroenterologia, UOC Radioterapia, UOSD Ematologia, UOSD Centro Oncologico Santo Spirito e Nuovo Regina Margherita, UOSD Presidio Oncologico Cassia - S. Andrea) non è semplicemente il trattamento della  neoplasia, bensì la gestione di un paziente, la garanzia della continuità assistenziale lungo tutta la dimensione temporale del trattamento di cura.

Nella lotta ai tumori, accanto alle terapie oncologiche integrate e innovative, assume sempre maggiore importanza la prevenzione sia primaria che secondaria.

Si stima che l’80% dei tumori sia di origine ambientale, cioè legati al lavoro, la dieta, al consumo di alcool e tabacco, all’esposizione ai raggi solari. Il fumo è il più importante fattore di rischio prevenibile, dato che si ritiene che il 90% dei tumori polmonari (ma che anche neoplasie di altri distretti, la mammella, la vescica e la laringe) siano legati al fumo di sigaretta.

La prevenzione secondaria permette l’identificazione di tumori in stadio iniziale, suscettibili di cure radicali con prognosi migliore.

La ASL Roma 1 aderisce alle campagne di screening regionali per il tumore della mammella, della cervice e del colon retto.

 

I percorsi oncologici integrati chiudi dettagli apri dettagli

La ASL Roma 1, nelle strutture sanitarie a gestione diretta, garantisce la presa in carico dei pazienti oncologici  mediante una serie di Percorsi Oncologici Integrati realizzati da Gruppi Multidisciplinari e Multiprofessionali con specifico expertise nella materia.

  • Centro Integrato di Senologia (Breast Unit) dedicato alla  diagnosi e Terapia dei Tumori della mammella.
    Il Centro è unico con due sedi Operative presso l’Ospedale San Filippo Neri e presso l’Ospedale Santo Spirito che utilizzano modalità operative e protocolli diagnostico terapeutici condivisi
  • Gruppo integrato Neoplasie del Polmone - Per contatti dmtpolmone@aslroma1.it
  • Gruppo integrato Neoplasie del Sistema  gastro-enterico - Per contatti: +39 06 3306.3993/ 3969/ 2609
  • Gruppo integrato Uro-oncologico (Neoplasie dell’apparato Genito Urinario)
  • Centro di Brachiterapia LDR x Tumori prostatici - Per contatti: +39 06 3306.3939 / 3632 / 4425/ 3969
  • Gruppo Integrato per le Neoplasie del distretto testa-collo-GIPO - Per contatti: +39 06 3306.2605 / 2604 / 3969
  • Gruppo integrato Neuro-oncologico (Neoplasie cerebrali e del sistema nervoso centrale) - Per contatti: +39 06 3306.3127 / 4402 / 3632
  • Gruppo integrato per i Tumori ginecologici -  Per contatti: +39 06 3306.3939 / 4425 / 3969
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.